Nuova normativa: "Sbagliare le etichette degli alimenti può costare caro"

 

 

potenza_logo-camera_2_0.png
 

facebook.png

 

youtube.png

 
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           

 

 

Nuova normativa: "Sbagliare le etichette degli alimenti può costare caro"

Scrivere sulle etichette degli alimenti informazioni sbagliate riguardo gli ingredienti, gli allergeni e anche le scadenze da oggi potrebbe costare caro. La norma approvata in dicembre dal Consiglio dei ministri sulle sanzioni amministrative per chi viola le “norme a tutela dei consumatori di prodotti alimentari” è infatti in Gazzetta ufficiale“. Il Decreto 231 prevede, sanzioni variabili da un minimo di 150 euro a un massimo di 150.000 per chi non rispetta gli obblighi informativi riguardo scadenze, allergeni e ingredienti. Aumentano quindi le tutele per i consumatori che soffrono, per esempio, di allergie o intolleranze alimentari.