Crescono e si rafforzano le imprese in rosa in provincia di Potenza

 

 

potenza_logo-camera_2_0.png
 

facebook.png

 

youtube.png

 
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           

 

 

Crescono e si rafforzano le imprese in rosa in provincia di Potenza

Sono 10.602, a fine 2017, le imprese femminili iscritte al Registro della Camera di commercio di Potenza. 46 in più rispetto all'anno precedente (erano 10.556) con un lieve saldo positivo che conferma i trend crescenti degli ultimi anni. Come mostrano i dati dell’Osservatorio per l’imprenditorialità femminile di Unioncamere e InfoCamere, elaborati dal Centro Studi Unioncamere Basilicata, le aziende guidate da donne rappresentano ormai il 27,6% del panorama del tessuto produttivo della provincia di Potenza.
 
Rispetto ai settori scelti dalle donne per fare impresa, il 39,4% delle aziende in rosa nate nel 2017 ha scelto l’agricoltura (in tutto sono 4.172 imprese), mentre il 23,8% (2.524) sono attive nel commercio e il 6%, 638, nei servizi di alloggio e ristorazione.
 
Riguardo alle forme giuridiche, aumentano ancora le aziende al femminile costituite in forma di società di capitali: a fine 2017 sono 1376 (erano 1287 l’anno precedente, 969 nel 2013), ma sono ancora lontane da quelle costituite come ditte individuali, ad oggi largamente prevalenti: le 8.181 aziende registrate a fine 2017 sono tuttavia il minimo storico degli ultimi 5 anni, così come le società di persone (531), a dimostrazione che le scelte delle imprenditrici in rosa sembrano orientarsi verso forme giuridiche più solide e capaci di affrontare le sfide di un mercato globale.   
 
Infine, un dato rispetto alle imprese femminili giovanili, quelle cioè al cui timone ci sono donne under 35: a fine 2017 costituiscono il 12,44% delle imprese in rosa, con 1.319 aziende, sostanzialmente in linea con i dati del 2016.