Con l'adozione dell'articolo unico dello Statuto prende il via il processo di accorpamento delle Cciaa di Potenza e Matera

 

 

potenza_logo-camera_2_0.png
 

facebook.png

 

youtube.png

 
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           

 

 

Con l'adozione dell'articolo unico dello Statuto prende il via il processo di accorpamento delle Cciaa di Potenza e Matera

Il Commissario ad acta per il procedimento di accorpamento delle attuali Camere di commercio di Potenza e di Matera, Patrick Suglia, ha adottato l’Articolo Unico dello Statuto della nuova Camera di Commercio della Basilicata.

Tenuto conto dei dati pubblicati dal Ministero dello Sviluppo Economico relativi a “numero delle imprese” (al 31 dicembre 2016 il Mise ne ha censite 71.308), “indice di occupazione”, “valore aggiunto” e “diritto annuale”, il Consiglio sarà composto da ventotto componenti. La ripartizione dei seggi tra i settori economici è stata così fissata: cinque toccheranno al settore Industria e a quello del Commercio, quattro saranno appannaggio dell’Agricoltura, tre ad Artigianato e Servizi alle Imprese, due al Turismo, uno a Cooperative, Trasporti e Spedizioni e Credito e Assicurazioni. A questi venticinque, si aggiungeranno i tre seggi spettanti di diritto alle Organizzazioni sindacali, alle Associazioni dei consumatori e ai Liberi professionisti.

Con l’adozione dell’Articolo Unico dello Statuto della “Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura della Basilicata” per la ripartizione dei seggi consiliari, prende dunque ufficialmente il via il processo di accorpamento che culminerà con la presentazione delle candidature da parte delle Associazioni di categoria e la successiva costituzione del Consiglio della Camera regionale.